5 consigli per aiutare tuo figlio a SUPERARE BRILLANTEMENTE gli esami di riparazione!

Esami di riparazione del debito. La data si avvicina inesorabile!

Man mano che i giorni passano ritorna quella sensazione sgradevole allo stomaco e l’ansia comincia a salire, mettendo probabilmente un po’ di confusione in quello che tuo figlio ha studiato con fatica durante l’estate.

Si sta avvicinando la data in cui tuo figlio dovrà dare prova di sè, e dimostrare al prof di aver recuperato le lacune accumulate nell’anno scolastico.

Anche se l’insufficienza che gli hanno dato i professori in fase di promozione non è grave, hai detto a tuo figlio che deve prepararsi al meglio per non rischiare di subire la bocciatura proprio ora che gli è stata data un’altra possibilità!

Arrivati a questo punto i ragazzi solitamente sono stanchi; ed è proprio che hanno bisogno di sentire che come genitore fai un tifo sfegatato per lui, come quello della domenica alle partite della sua squadra del cuore!

Non sarai solo a gestire la preoccupazione di tuo figlio; abbiamo pensato a 5 consigli pratici per te!

1. EVITA DOMANDE CONTINUE CON TONO DA INVESTIGATORE

Ormai quel che ha studiato, ha studiato! Potrebbe sentirsi pressato e poi insicuro se continui a chiedergli in modo insistente se ha studiato quei capitoli, quanto tempo ha  impiegato, se ha tutto chiaro, se ci sono concetti che non ha capito ecc. Molte domande un po’ mettono pressioni, soprattutto agli adolescenti; vorrebbero far tutto da soli, pensano di poter fare tutto ad soli e le domande “modello interrogatorio” gli danno l’idea di essere ancora bambini. 

2. INCORAGGIALO

Servono parole che danno coraggio, che gli trasmettino forza d’animo nel sopportare con serenità lo sforzo emotivo, nell’affrontare con decisione la prova d’esame.

“Forza abbi fiducia in te stesso”

“tieni duro, ce la fai sicuramente”

“riprova se hai sbagliato, con più determinazione di prima!”

3. DISTRAILO

lo stress degli ultimi giorni prima dell’esame è elevato; ha bisogno di fare delle interruzioni nello studio. Questo gli permette di poter staccare la mente, far riposare il cervello e soprattutto spostare l’attenzione su qualcosa che lo fa stare bene ed alleggerisce lo stato d’animo di preoccupazione e ansia.

Vanno benissimo:

  • una strimpellata (se suona qualche strumento)
  • una camminata di 20 minuti
  • leggere qualche fumetto o barzelletta
  • chiacchierare del più e del meno sul divano
  • un buon gelato da mangiare con gli amici

4. SUGGERISCI DI ORGANIZZARE IL TEMPO STUDIO

In questi ultimi giorni il rischio è di stare ore e ore sui libri “a vuoto”; questa produce una dispersione di energia e gli dà la sensazione di aver studiato ugualmente. Se la concentrazione non è stata elevata non saranno le tante ore di studio a fare la differenza. Aiutalo a stabilire fasce orarie in cui studiare, scrivendosi le pagine e gli argomenti da ripassare o approfondire.

5. ASCOLTALO SENZA GIUDICARLO

Affrontare l’esame con il tuo supporto e tifo è importantissimo; attenzione a non sostituirti eccessivamente a lui!

Si sentirebbe facilmente giudicato.

L’esperienza degli esami di riparazione è anche un’esperienza di crescita personale. Grazie a questa esperienza tuo figlio può imparare a gestire meglio il proprio stato d’animo e le sue emozioni. Piuttosto ascoltalo, siediti al suo fianco e ascolta cos’ha da dirti. Evita di dare risposte ed aiutalo a trovare risposte efficaci dentro di sè!

In bocca al lupo!

Ps. se questi consigli dovrebbero portare risultati diversi da quelli che speravi, fissa un appuntamento con i nostri professionisti telefonando allo 0444597154: saremo felici di aiutarti a capire il motivo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *