3 modi infallibili per trasmettere sicurezza a tuo figlio

Ogni bambino è un mondo a sè stante, si è vero, però i bisogni dei bambini sono quelli di ogni essere umano, sono 5 e sono i seguenti:

  1. BISOGNO FISIOLOGICI
  2. BISOGNO DI SICUREZZA
  3. BISOGNO DI APPARTENENZA
  4. BISOGNO DI STIMA
  5. BISOGNO DI AUTOREALIZZAZIONE

Qui potrai trovare maggiori informazioni sui bisogni di sicurezza dei bambini, di quali elementi si compongono e di come poterli trasmettere a tuo figlio. Potrai così avere maggiore consapevolezza sull’impatto che hanno le tue azioni e le tue parole hanno su di lui e potrai essere certe di trasmettergli correttamente la sicurezza di cui ha bisogno.
Ora vorrei spiegarti con qulche dettaglio cosa sono i bisogni di sicurezza.

FALLO SENTIRE PROTETTO DALLE MINACCE.

Ogni essere umano ha precise  esigenze di protezione e rassicurazione circa la propria incolumità, ad esempio un bambino si sente sicuro se la mamma o il papà sono in casa con lui, se dovessero allontanarsi lasciandolo a casa da solo ripetutamente la sensazione di pericolo si presenta sicuramente. Una situazione simile si può presentare se compare un animale che il bambino non ha mai visto o che avverte come particolarmente minaccioso: la presenza di mamma e papà e il loro tono di voce calmo infondono in lui proprio la rassicurazione circa la propria incolumità.

1. DAGLI IL SUPPORTO CHE GLI SERVE.

Un’altra sfumatura della sicurezza consiste nel trovarsi in un ambiente che fornisce al tuo bambino il supporto di cui ha bisogno: a 12 mesi si tratta dell’aiuto della mamma per muovere i primi passi e a 5 anni la possibilità di invitare i compagni della scuola a casa sua per giocare assieme, per imparare a stare con gli altri ecc. Ti chiederai: cosa si intende quando si parla di ambiente? Parliamo di tutto, parliamo di una casa che sia sicura senza spigoli e scale con pendenze pericolosissime ma anche di ambiente emotivo, che cioè abbia due requisiti: costanza e prevedibilità.

2. CREA IL PIù SITUAZIONI REGOLARI E PREVEDIBILI.

Situazioni regolari e stabili che si ripresentano tutti i giorni più o meno nella medesima sequenza infondono nel bambino (almeno fino al 9/10° anno di vita) la sicurezza di potersi muovere sia dentro al contesto familiare ma soprattutto di potersi allontanare da essa come ad esempio: andare a giocare dall’amico, andare a alla scuola dell’infanzia dalle 8 alle 16 per 5 giorni alla settimana, dormire via dai nonni, fare nuove esperienze di sport, ecc…. Ritornare e verificare che i ritmi sono sempre quelli e che le situazioni si ripetono con una certa prevedibilità lasciano quell’alone di “casa” anche quando a casa non ci sono. I bambini si portano dietro la casa interiore e sono felicissimi di ritrovarla dopo essersi allontanati; sono felici di ritornarci perchè la ritrovano. Stare bene a casa consente loro di approcciarsi bene anche agli ambienti esterni, siano essi le case degli amici o altri luoghi come la egnzie educative o le scuole.

3. PERMETTI CHE SI APPROPRI DEL SUO TERRITORIO

Un altro elemento che dà sicurezza è l’appropriazione del territorio; ogni bambino ha bisogno di sapere che dentro le pareti di casa c’è uno spazio proprio, uno spazio che è dispsto a condividere ma che deve sentirsi libero (e deve essere lasciato libero) di sentire come proprio, come personale. Non sempre si tratta di un luogo fisico (una camera per figlio sarebbe bllo…ma diciamocelo qua…mica tutti se la possono permettere una casacon tre o quattro camere da letto) spesso si tratta di un luogo dove poter giocare con il papà mentre la mamma fa dell’altro. Quel luogo diventa un rifugio sicuro, perchè richiama delle belle emozioni e delle belle sensazioni che ricaricano e nutrono emotivamente il bambino.

Ti va di raccontare cosa hai escogitato nel tempo per dare sicurezza a tuo figlio?
Lo spazio dei commenti è tutto tuo! Grazie

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *